Ultimi articoli
Agosto: 2020
L M M G V S D
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  

Ufficio Stampa Musicale per Band e Marketing Musicale: quando conviene e quando no

27 Ago Ufficio Stampa Musicale per Band e Marketing Musicale: quando conviene e quando no

La quarantena per il mondo della musica dal vivo non è mai finita. L’estate ha riportato sul palco tanti artisti che all’aria aperta hanno potuto prendere una boccata di ossigeno, ma di fatto la situazione per musica, arte e spettacoli dal vivo è tutt’altro che rosea. Al netto di questo, se sei un artista e nessuno parla più di te, puoi considerarti praticamente un artista finito: chi ascolta la tua musica ad esempio se nessuno ti conosce, se non esistono tracce di te in rete, se le tracce che ci sono sono deboli quando non controproducenti. E attenzione, non sto parlando di tracce musicali, ma piuttosto di tracce digitali, scampoli di informazione che gli utenti utilizzano per costruire un’immagine della band in questione.

In questo senso promuovere un progetto musicale non è molto distante dal promuovere un qualunque progetto o attività commerciale. E se in quest’ultimo caso parliamo di Brand Awareness quando ci riferiamo a quell’insieme di attività che servono ad aumentare la familiarità dei consumatori all’interno della sfera pubblica nei confronti di un determinato Brand, nel caso di un progetto musicale possiamo tranquillamente parlare di Band Awareness. Rulllo di tamburi, splash.

Ad ogni modo… In questo insieme di attività ci sta praticamente tutto quello che non riguardi esclusivamente la performance musicale: il racconto della band attraverso i social media, la promozione del merchandising e dei dischi ( o meglio della musica) su riviste cartacee, blog e webzine, la pianificazione più o meno serrata degli impegni live, del booking, l’individuazione di nuove strade che portino al “successo” del progetto.

Molte di queste attività sono solitamente gestite in autonomia dalle band, quando non affidate direttamente ad un Ufficio Stampa Musicale. Ed è qui che volevo arrivare. Quando conviene affidarsi ad un Ufficio Stampa?
Potremmo riassumere le attività tipiche di un ufficio stampa musicale in questo breve elenco:

  1. Impostazione strategia sui Social Media, piano editoriale e gestione community su:
    • Facebook
    • Instagram
    • Spotify
    • Bandcamp
    • Youtube
  2. Creazione materiale promozionale:
    • Shooting fotografico
    • Video Promo
  3. Relazione con i media e Promozione verso:
    • blog
    • riviste cartacee
    • webzine
    • webradio
    • Radio
  4. Rassegna Stampa
  5. Supporto nelle attività di Booking

Un vero e proprio lavoro, che come spesso accade nel mondo della Comunicazione e del Marketing, altrettanto spesso produce output difficili da mettere in relazione con il budget investito. Se spendo 100 euro per un ufficio stampa, probabilmente otterrò risultati che posso ottenere da solo, con un minimo sforzo. Stesso discorso se spendo 500 euro, magari con uno sforzo maggiore. Se ne spendo 2.000 magari posso ottenere qualche risultato in più, ma davvero pochi. Risultati importanti possono – ma non è detto che arrivino! – quando l’asticella si alza sopra i 2.000-3.000 euro.

Cifre dettate dal semplice buon senso, ma perché tanta sicurezza nel diramarle? Perché esistono tendenzialmente delle attività base che ogni ufficio stampa effettua che richiedono una serie di task minime per essere impostate e dalle quali non si può prescindere. La loro gestione e la loro messa a sistema richiede tempo e dedizione ed è giusto che questo lavoro venga pagato. Trattasi tuttavia di attività alla portata di molti artisti/musicisti, specie fra quelli che hanno un minimo di competenze digital e che soprattutto hanno ben chiaro il pubblico a cui vogliono rivolgersi.

Nello specifico, le attività del gruppo (1), (3), (4) e (5) possono tranquillamente essere gestite direttamente dalla band.
Per cui, alla domanda Quando conviene affidarsi ad un Ufficio Stampa? La risposta è: quando non si ha tempo per farselo da soli! Quanto pagare il professionista in questione poi è da decidersi in base alla serietà e alle garanzie che l’Ufficio Stampa musicale riesce ad offrire.

Per la realizzazione di shooting fotografici e per la realizzazione di videoclip musicali invece le cose si complicano e conviene spesso affidarsi ad un professionista.

No Comments

Post A Comment

*